You are not logged in.

  • "HashTheRapper" is male
  • "HashTheRapper" started this thread

Posts: 9

Date of registration: Oct 7th 2008

Location: Ossimo

Occupation: studente

  • Send private message

1

Saturday, October 11th 2008, 10:48pm

Ottaviano l'imperatore con l'acne

Dopo aver riportato fedelmente una pagina del diario di un rispettabile funzionario dell'imperatore romano, torno sul forum con la storia del primo grande imperatore: Ottaviano Augusto.
Spero che tutti lo conosciate... Figlio del grande Giulio Cesare (di cui si parlerà tanto in questa storia, in particolare nel primo capitolo), fu il primo imperatore romano: era un grandissimo politico, una persona deliziosa e un imbattibile generale. Questa storia, che pubblicherò sul forum divisa in qualche capitolo, non so ancora quanti, ma penso saranno pochini, non più di dieci, racconta in particolare dell'adolescenza di Ottaviano, il rapporto con il padre, con gli altri e in particolare con sé stesso. Invito tutti a inserire i loro apprezzamenti o le loro critiche (anche se sono più graditi gli apprezzamenti...), li leggerò volentieri.
Ecco il primo capitolo.

Capitolo 1: Il papi

Nell'adolescenza di Ottaviano ebbe una grande influenza suo padre: Caio Giulio Cesare. Il grande Caesar, anche se il figlio lo chiamava affettuosamente “ue papi”. Si volevano bene, tanto bene, ma purtroppo c'erano dei momenti in cui emergevano i motivi di scontro tra loro due. Ad esempio, capitava che Giulio entrasse in casa e si prendesse in testa una saponetta, con la quale Ottaviano e i suoi amici stavano giocando a hockey. E allora lo riprendeva severamente sul fatto che non si gioca in casa. Ottaviano chiedeva al papi la ricarica o l' ipod o il motorino, e Giulio lo rimproverava perché non poteva pretendere tutte quelle cose, che c'era la crisi in borsa. Nonostante ciò si volevano bene. Stavano proprio bene insieme e nessuno poteva dividerli.
Tranne lui. Bruto. Giulio aveva deciso di chiamarlo così perché, cavolo, quant'era brutto. Ma non era solo brutto. Era odioso, antipatico. Eccetera eccetera. Di lui parleremo meglio nel prossimo capitolo, ma è bene comunque fare un accenno.
Lui aveva il “dono” di dividere la gente. Una specie di Cupido all'incontrario. Ma molto più brutto di Cupido. Lo fece anche con Ottaviano e Giulio. Li faceva litigare lui, in pratica. Giulio entrava in casa, Bruto lanciava la saponetta e scappava, lasciando lì Ottaviano con la mazza da hockey in mano.
Ma nemmeno Bruto poteva dividere per sempre quei due. Erano legati da un qualcosa di strano, senza essere gemelli siamesi o uniti da un cordone ombelicale.
Poi Ottaviano andò a scuola. Non era il primo della classe, ma nemmeno l'ultimo. Giulio era contento lo stesso, sia che lui portasse a casa un 8 che un 3. Solo che adesso c'era una ministra che aveva fatto una strana riforma. Il voto in condotta faceva media, si veniva bocciati immediatamente anche solo con una insufficienza e altre cose del genere. A Ottaviano non piaceva quella riforma, e nemmeno a suo padre (neanche a me, nda). Il piccoletto disse a suo padre, un giorno che erano soli: «Quando divento imperatore, la metto a morte quella tipa» e Giulio gli aveva regalato una brioche, sorridendo compiaciuto.
C'erano molti altri problemi nella società, ma niente poteva rompere quel legame che legava Ottaviano e Giulio.
Ottaviano non sopportava che qualcuno facesse del male a suo padre. Quando arrivavano gli esattori delle tasse, e Giulio si ribellava a quei cattivoni, loro lo picchiavano. Un giorno Ottaviano vide, e entrò nella stanza come batman si para davanti a joker.
«Mollalo, caccola putrida e schifosa!» urlò all'esattore, ed egli ebbe così paura di quel bambino che scappò a gambe levate e non tornò per tre mesi.
Quando Bruto e Cassio uccisero suo padre, Ottaviano non diventò cattivo. Diventò un mostro. È in quella fase della sua vita che viene chiamato Ottaviancock, perchè aveva la forza di un supereroe. Ma di Ottaviancock parleremo nell'ultimo capitolo.
Ottaviano deve a Giulio Cesare tutto ciò che ha imparato. È Giulio che gli ha insegnato a vivere. Ottaviano, come sostengono alcuni storici, dopo che suo padre morì, strappò dal suo muro il poster di Playboy che aveva per metterci il quello di Giulio.

Spero vi sia piaciuto. Nei prossimi giorni inserirò il cap.2.
Hash l'amicone

This post has been edited 3 times, last edit by "HashTheRapper" (Oct 11th 2008, 10:51pm)


  • "HashTheRapper" is male
  • "HashTheRapper" started this thread

Posts: 9

Date of registration: Oct 7th 2008

Location: Ossimo

Occupation: studente

  • Send private message

2

Friday, October 24th 2008, 3:37pm

Ottaviano l'imperatore con l'acne 2

Ecco il secondo capitolo. Ditemelo se ho scritto qualcosa che non dovevo.

Capitolo 2: Bruto (che non è quello di braccio di ferro)

Ottaviano, però, aveva anche un fratello. Si chiamava Bruto, perché era molto brutto, ma così brutto, che quando nacque Giulio Cesare si chiese se per caso la moglie non l'avesse tradito con un cesso. Ottaviano e Bruto non andavano per niente d'accordo: da piccoli si contendevano la tetta destra della mamma (chissà perché volevano proprio quella destra... mah), e quando le staccarono la mammella partirono all'attacco della sinistra. La madre non ce la faceva più, perciò decise di ricorrere al latte in polvere. Giulio le disse che era dalla Cina che arrivava il miglior latte in polvere, e visto che la crisi in borsa non c'era più, poteva farsene arrivare un po'. Il risultato fu: quando Giulio gli diede il latte in polvere, Bruto si ammalò, ambaraba ciccì coccò, ma Ottaviano si salvò (quella mattina era al mercato con mamma). Ed ecco perché Bruto ce l'ebbe a vita col papà, che accusava di averlo avvelenato. Fortunatamente (ma per chi?) Bruto si salvò, perché venne ricoverato in una famosissima clinica. Sfortunatamente (ma per chi?) la prima volta che lo operarono venne scambiata la cartella medica con un tizio del letto accanto, che doveva essere operato laggiù dove non batte il sole, per l'asportazione chirurgica del cosetto e l'inserimento di una bella cosetta.
Ed ecco il perché delle tendenze stravaganti di Bruto. Il secondo intervento glielo fecero correttamente e lui guarì dall'intossicazione (con grande disappunto da parte di Giulio, che si era fidato dei medici).
Ma torniamo al rapporto tra Ottaviano e Bruto. Anche da grandi non andavano d'accordo, si rubavano le donne e anche i soldi.

Edit By Lord Syrio: evitiamo di usare un linguaggio scurrile sulla board... non siamo all'osteria.


Ringrazio Lord Syrio e cercherò di essere meno volgare.
Hash l'amicone

This post has been edited 2 times, last edit by "HashTheRapper" (Oct 28th 2008, 5:02pm)